,

L’intelligenza artificiale si confronta con l’agricoltura trentina

Dopo il successo dello scorso anno torna il format “L’intelligenza artificiale scende in campo”, organizzato da Co.Di.Pr.A. (Consorzio di difesa produttori agricoli di Trento) e Fondazione Bruno Kessler. Quest’anno un doppio momento di confronto: scoprire le potenzialità dell’intelligenza artificiale (AI) in campo agricolo e conoscere la relazione tra stile di vita e rischio cardiovascolare. Il tutto all’interno di Web Valley, il campus di FBK per introdurre i giovani all’AI.

Ritorna il focus su agricoltura e ambiente all’interno di WebValley 2019, il campus della Fondazione Bruno Kessler dedicato ad introdurre i giovani alle applicazioni dell’intelligenza artificiale (AI). Dopo il progetto di una nuova soluzione per stimare qualità e danni della frutta da immagini e altri sensori (2017), e la prima edizione dell’incontro tematico “L’Intelligenza Artificiale scende in campo” (2018), Co.Di.Pr.A. e la Fondazione Kessler hanno organizzato due eventi speciali dedicati ad approfondire gli aspetti di salute e ambiente della agricoltura di montagna dai punti di vista della scienza medica e della applicazione delle nuove tecnologie legate all’Intelligenza artificiale.

“Questi appuntamenti, ha spiegato Andrea Berti (direttore Co.Di.Pr.A.), ci permettono di fare il punto sugli sviluppi delle applicazioni sull’Intelligenza Artificiale in campo agricolo e ambientale. Momenti di condivisione con i diversi attori della filiera agricola e per creare rete che permettano di sviluppare il territorio. Grazie alla molteplicità di dati presenti a livello provinciale alle strutture organizzate, agli enti di ricerca come FBK, Fondazione Mach e Università di Trento e, soprattutto, un prodotto agricolo con elevate caratteristiche qualitative dobbiamo essere capaci di sviluppare esternalità positive per il settore, obiettivo da raggiungere introducendo tutte le possibili soluzioni tecniche e scientifiche”.

Necessità di innovazione sottolineata anche da Romano Masè (dirigente Provincia Autonoma di Trento) che ha spiegato come la “Provincia crede sia fondamentale una forte spinta innovativa per l’agricoltura trentina, che può dare un grosso supporto allo sviluppo del settore mantenendo alti gli standard. Serve investire nel futuro facendo sempre più rete in maniera strutturata tra i diversi enti di ricerca presenti sul nostro territorio”.

Cesare Furlanello (responsabile MPBA della Fondazione Kessler) ha introdotto i due eventi sottolineando l’importanza di creare rete per creare valore aggiunto, specialmente in un territorio come quello trentino.

Il primo appuntamento ha visto Alberico Catapano (professore dell’Università di Milano) spiegare la connessione tra stili di vita e rischio cardiovascolare. Il professore ha cercato di dare una risposta alla domanda se in montagna è vero che si vive meglio. “Risposta difficile, ha spiegato Catapano, infatti entrano in gioco numerosi parametri da valutare, sicuramente due sono gli aspetti che possono ridurre il rischio cardiovascolare: uno stile di vita sano e alimenti di qualità”.

L’incontro ha anche visto presenti Massimo Manfrini (TroteAstro), Luca Lovatti (CIF) e Francesca Fava (Fondazione Edmund Mach) che hanno portato l’esperienza trentina in campo alimentare.

Il secondo focus, invece, ha cercato di indagare le potenzialità dell’intelligenza artificiale per la nostra agricoltura. Fausto Milletarì (ricercatore NVIDIA) ha raccontato le frontiere dell’Intelligenza Artificiale e la sua applicazione nel mondo produttivo, partendo dall’impiego dei droni per il monitoraggio degli impianti industriali (riducendo i costi del 20%) per arrivare all’impiego di visori ottici al fine di ridurre l’impiego di diserbanti in agricoltura.

L’evento è proseguito con Luca Coviello (Fondazione Bruno Kessler) che ha presentato i nuovi strumenti di analisi e coinvolgimento degli esperti per la Intelligenza Artificiale in Agricoltura.

Stefano Corradini (Fondazione Edmund Mach) ha spiegato quali sono le risposte che la ricerca applicata può dare all’agricoltore.

I modelli predittivi e i sistemi di supporto alle decisioni sono stati presentati da Steno Fontanari (MPA Solution) e, infine, Marco baldo (Biogard) ha portato alla platea un caso pratico di tecnologia al servizio della sostenibilità: il caso della confusione sessuale.

L’evento “WebValley 2019: l’agricoltura a colloquio con l’intelligenza artificiale” è stato trasmesso in streaming ed è disponibile a questo indirizzo: http://bit.ly/2ZYJcwH


Co.Di.Pr.A. TrentoConsorzio Difesa Produttori Agricoli, è un’aggregazione di persone accomunate dall’obiettivo comune di offrire soluzioni efficaci per la gestione del rischio in agricoltura. Il consorzio ci riesce collaborando con soggetti pubblici e realtà economiche agricole territoriali, ricercando anche la collaborazione degli agricoltori nel perseguimento di un interesse comune.

Fanno parte di Co.Di.Pr.A. Trento, quindi, produttori, agricoltori, imprese agricole e agroalimentari più o meno grandi che desiderano tutelarsi di fronte alla moltitudine di situazioni di disequilibrio che al giorno d’oggi sono una minaccia. Oggi si contano oltre 12.000 soci aderenti (il 90% degli agricoltori Trentini e alcune realtà di respiro nazionale) per un totale di 500 milioni di euro di produzioni assicurate.

In un mondo dove le condizioni climatiche stanno cambiando, dove la globalizzazione sta facendo fluttuare i prezzi e in cui è indispensabile stare al passo con i tempi per non rimanere indietro, gli agricoltori e le micro imprese agricole hanno bisogno di adeguato sostegno e difesa sotto diversi punti di vista.

In Co.Di.Pr.A. Trento si lavora ogni giorno da anni per consentirlo grazie a strumenti come fondi mutualisticipolizze collettivegaranzie per investimenti, formule Index Based (che stimano i termini di copertura non solo in base alla resa, ma anche alla qualità del raccolto), assistenza da parte di personale specializzato (legali) e una comunicazione sempre fresca e attenta ai propri associati. Per far sì che questi ultimi abbiano tutto quello di cui hanno bisogno. Ogni caso viene valutato individualmente con attenzione per fornire la soluzione ideale.

La comunicazione con gli associati è attenta e costante, grazie alla rivista informativa bimestrale “CodipraNews” e al nuovo portale online che consente ai soci di interagire in tempo reale con Co.Di.Pr.A. Condifesa Trento. In sostanza ci proponiamo alle realtà agricole come punto di riferimento e valido e concreto sostegno di fronte a qualunque problema che possa presentarsi e che potrebbe mettere in crisi l’agricoltore o la piccola impresa agricola.

Per saperne di più accedi al sito web Co.Di.Pr.A